Archivio mensile:novembre 2014

Foto gruppo

Regione Campania – Cra Campania

Martedì 18 Novembre scorso  allo Stadio San Paolo di Napoli nuova giornata di test per gli arbitri regionali. In campo quelli dell’ organico del campionato di Promozione.  Ben 50 “fischietti” tutti giovani entusiasti si sono ritrovati  presso la sezione di Napoli, per una giornata di incontro atletico e tecnico. Il tutto sotto l’occhio attento del Coordinatore del CRA Campania Massimo Costa, che designa gli arbitri in Promozione. Lui ed il Presidente Quartuccio hanno valutato l’impegno profuso dai giovani arbitri, approfondendo gli argomenti tecnici utilizzando le tecniche più moderne, come filmati, computer, moviole, per spiegare norme ed interpretazioni specifiche del regolamento, oltre che situazioni di gioco verificatesi sin qui ed eventuali errori.

Per i ragazzi una esperienza molto formativa, senza considerare il fatto che la seduta atletica si è svolta nel prestigioso stadio che fu di Maradona, e che oggi è dei vari Higuain, Hamsik, Callejon, eccetera. In ogni caso una esperienza che resterà loro impressa. .

Il programma ha previsto nella mattinata test sulla pista del San Paolo, nel pomeriggio presso la sezione di Napoli una approfondita analisi tecnica con quiz e filmati.

“Incontri come questi -commenta Massimo Costa- servono a noi dirigenti per valutare lo stato fisico e tecnico dei ragazzi a nostra disposizione, ma per loro sono un momento di crescita enorme. Lavorare tutti insieme aiuta a crescere. I ragazzi parlano non solo con noi, ma anche tra di loro, confrontano le loro esperienze, si danno consigli reciproci. Fanno squadra, in poche parole. E questo li aiuta molto. Il nostro compito è quello di essere loro da supporto in questa fase decisiva del loro processo di maturazione. Sono alle prese con le prime partite importanti, semmai con un pubblico numeroso e rumoroso. Esperienze nuove, che spesso possono mettere in difficoltà. Per essere arrivati a questo livello vuol dire che hanno superato molti esami, ma il percorso arbitrale è lungo e complesso. Ora devono dimostrare di poter governare non solo i giocatori in campo, ma anche il contorno. Non è semplice”.

Il presidente del CRA, Virginio Quartuccio, che ha promosso l’iniziativa, si dice molto soddisfatto “Abbiamo puntato molto sulla crescita tecnica dei nostri ragazzi e questi incontri rappresentano, per loro, un importante momento di sviluppo delle loro capacità. Stiamo programmando altri momenti di incontro, perché  sono convinto che la possibilità di fare gruppo, data ai ragazzi, rappresenti per loro un momento di sviluppo relazionale, e l’approfondimento tecnico con l’utilizzo dei più moderni mezzi tecnologici, come i filmati proprio dei nostri campionati, illustrati nella corretta interpretazione, contribuisca al loro miglioramento”.

Giovanni Aruta

Durante i test atletici foto3[1] foto4[1] foto5[1] Foto degli arbitri in sala Foto gruppo IMG_0361[1] Massimo Costa

IMG_0321

Regione Campania – Incontro Tecnico degli arbitri di calcio a 5 di serie C1

Il giorno 15 novembre c.m. nell’accogliente sala riunioni della sezione di Torre Annunziata si è svolto il primo incontro  tecnico per soli arbitri di calcio a5,  circa 30 unita’ che fanno parte dell’organico della massima categoria regionale ( serie c1 ). Dopo il saluto del vice presidente Nicola Iovine prime e del Presidente Stefano Pagano dopo, che hanno messo in evidenza come questa disciplina sia in forte crescita, i responsabili regionali Mario Rossi e Giovanni Belcuore, hanno dato inizio ai lavori. Inizio come sempre con la somministrazione dei rituali quiz tecnici sotto il controllo del componente del settore tecnico Salvatore Santomarco, con ottime risultanze finali. Dopo un piccolo time-out rinfrancante i due responsabili regionali hanno proiettato spezzoni di gare dirette dagli stessi arbitri sviscerando anche il più piccolo episodio sia esso positivo che negativo, cercando di  ottenere il piu’ possibile l’uniformita’ direzionale.

I due responsabili sono molto soddisfatti del lavoro fatto.

“I ragazzi sono preparati dal punto di vista tecnico- commenta Giovanni  Belcuore. Incontri come questo non servono tanto per insegnare loro il regolamento, ma per spiegare, con i filmati, l’ applicazione dello stesso. E’ il lavoro che si fa a tutti i livelli, e che facciamo anche in Campania per il calcio a cinque. La cosa che più mi fa piacere sottolineare è che i ragazzi seguono con grande partecipazione e voglia di apprendimento”

Mario Rossi da parte sua sottolinea la crescita del movimento.

“Qualcuno pensa che fare l’arbitro sia un modo di serie B di fare calcio, e che all’interno della categoria arbitrale farlo a livello di calcio a cinque sia una ulteriore diminutio. Non è così. Ci sono sempre più ragazzi che scelgono di fare sport come arbitri, e molti che preferiscono il calcio a cinque al calcio a undici. E’ uno sport ormai molto radicato, diverso dal calcio a undici, e anche i ragazzi che lo arbitrano sanno che le problematiche sono differenti. Qui come nel calcio a undici serve però una grande preparazione, sia tecnica che fisica. Si corre molto, e ad una velocità anche maggiore. Chi vuole emerge deve impegnarsi. Per fortuna i nostri ragazzi sanno cosa vanno incontro e agiscono di conseguenza. Sono atleti nel vero senso della parola, come giusto che sia”.

Giovanni Aruta.

Belcuore a sx e Mario Rossi a dx Giovani Belcuore spiega IMG_0321 IMG_0324 IMG_0326 IMG_0331 Nicola Chiummo vice presidente sez. Torre annunziata a sx Salvatore Santomarco componente del settore tecnico

SAMSUNG CSC

Regione Campania – Sezione di Agropoli

Riunione importante per la sezione di Agropoli quella tenuta mercoledì 5 novembre 2014. I fischietti agropolesi hanno infatti avuto l’onore di ospitare l’intero Comitato Regionale Arbitrale Campano, capitanato dal Presidente Virginio Quartuccio. In una sala gremita, l’intera commissione è stata accolta dal padrone di casa, il Presidente Donato Mauro, che ha salutato gli illustri ospiti dando loro il benvenuto ad Agropoli, e ha ringraziato per la loro presenza, sottolineando come queste visite siano importanti non solo per coloro i quali operano a livello regionale, ma anche per tutta la sezione, sia per i nuovi associati che per la prima volta conoscono i metodi di lavoro della commissione regionale, sia per coloro i quali operano a livello nazionale che non devono mai dimenticare le loro origini a livello arbitrale. Erano presenti: Oreste Alfano, Massimo Costa, Mario Pacifico, Giancarlo Rubino, Giuseppe Ferro, Vittorio De Simone, Mario Rossi, , Giovanni Belcuore, Salvatore Pirone, Raffaele Russo e i collaboratori Vincenzo Di Maio e Carmine Conte. Dopo la proiezione di un filmato che ha presentato tutti i componenti della commissione e il loro ruolo, ha preso la parola il Presidente Virginio Quartuccio, il quale ha innanzitutto ringraziato per la calorosa e sincera accoglienza con cui si è aperta la serata. Dopo un breve incipit, è sceso letteralmente in platea tra i ragazzi e ha cominciato a sottolineare l’importanza della figura arbitrale dal punto di vista tecnico, atletico ma soprattutto comportamentale, specificando come la sola passione non basti e di come siano necessari sacrifici e dedizione per poter arbitrare ed ambire a certi livelli. Ha spiegato poi le metodologie di lavoro adottate dal CRA, specificando in dettaglio tutte le iniziative e le misure adottate da quando è a capo della commissione. Dopo un resoconto sugli arbitri regionali, ha passato la parola ai vari componenti, che brevemente si sono presentati e hanno spiegato il loro ruolo specifico in commissione, spiegando quali sono gli aspetti fondamentali per essere un arbitro di prima categoria, un assistente e un arbitro di calcio a 5. Dopo che tutti i componenti sono intervenuti, il Presidente Virginio Quartuccio ha omaggiato la sezione di Agropoli, consegnando una maglia ricordo nelle mani del Presidente Donato Mauro, che ha ringraziato ancora per la presenza e per il lavoro in perfetta sinergia tra il CRA e la sezione, invitando poi l’intera commissione alla grande festa del 24 novembre 2014 alla quale sarà presente il Presidente Nazionale Marcello Nicchi, per l’inaugurazione e l’intitolazione della nuova sede e per i 40 anni della sezione di Agropoli. La serata si è poi conclusa con un buffet conviviale in sezione. ” Sono orgoglioso della mia sezione- dice il presidente Donato Mauro- in questi anni abbiamo costruito una sezione all’ avanguardia, con giovani che hanno voglia di fare l’arbitro. E’ stato un percorso difficile, ma alla fine costruendo abbiamo ottenuto qualcosa di importante per i nostri giovani. Questa è la strada che porta al successo, solo lavorando”.

Giovanni Aruta

SAMSUNG CSC SAMSUNG CSC SAMSUNG CSC SAMSUNG CSC SAMSUNG CSC SAMSUNG CSC

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sezione di Torre del Greco

Visita di Salvatore Russo del Settore Tecnico.

Un incontro, quello di venerdì 7 novembre, fatto di tecnica e ricordi: in un sala piena di associati, ospite della Sezione di Torre del Greco, presieduta da Antonio D’Antonio, il collega Salvatore Russo, rappresentante del Settore Tecnico.
Prima di entrare nel vivo della riunione, il collega della Sezione di Sapri ha dedicato qualche minuto del proprio intervento dapprima alla condanna ferma degli episodi di violenza accaduti negli ultimi tempi ai danni di giovani colleghi sottolineando come la dirigenza AIA, con in prima linea il Presidente Marcello Nicchi, si è già adoperata presso la FIGC per porre fine a questi incresciosi eventi e, poi, ripercorrendo le tappe della sua carriera arbitrale, ha voluto salutare con grande affetto due dei grandi dirigenti della Sezione locale, Liberato Esposito e Antonio De Marco, che hanno segnato le tappe più importanti della sua crescita sia sul piano arbitrale che su quello umano.
Nel merito della riunione tecnica, Salvatore ha approfondito, mediante la visualizzazione di vari filmati, diverse situazioni di gioco quali falli di mano, fuorigioco e condotte gravemente sleali non sottraendosi al confronto aperto che si è venuto a creare con i colleghi in sala più esperti ma soprattutto con le giovani leve. Proprio a questi ultimi Russo ha ribadito l’importanza di seguire le indicazioni impartite dai dirigenti sezionali, anche in considerazione del fatto che si ritrovano in una Sezione storicamente ricca sotto questo aspetto.
A concludere la serata l’intervento del Presidente D’Antonio che, nel ringraziare Salvatore Russo, ha evidenziato la grande semplicità di linguaggio del collega che è riuscito a tenere sempre viva l’attenzione in sala auspicando la possibilità di invitare altri componenti del Settore Tecnico per replicare la bellissima riunione tenuta dal collega. “Quando si lavora con senso di responsabilità verso i nostri giovani – dice il Presidente della Sezione torrese – i risultati vengono. Con la teoria e con la pratica sul campo i nostri ragazzi migliorano ogni giorno”.

Giovanni Aruta

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

 

 

 

 

 

Russo e Vitale

Sezione di Nola

Carmine Russo nella storia: 100 gare in Serie A!

Serata speciale quella vissuta nei giorni scorsi, durante la quale si è sono avute forti emozioni per una gradita sorpresa: tutti gli arbitri nolani, per mano del Presidente Severino Vitale, hanno voluto premiare Carmine Russo, che ha raggiunto le sue 100 gare nel massimo campionato italiano. Un traguardo non semplice, come sottolineato dal Presidente: “Ho conosciuto tantissimi arbitri durante le mie esperienze arbitrali, tantissimi non hanno potuto nemmeno calcarli certi palcoscenici, altri solo per alcune partite. Questo vuol dire che alla base di questo risultato ci sono impegno, competenza e voglia di migliorarsi”.
Dopo la proiezione di un video che ha riassunto la vita arbitrale del nostro Carmine, lo stesso Severino Vitale ha commentato commosso: “Io ero presente durante l’esordio di Firenze e ricordo tutte le emozioni di quella domenica. La speranza è che l’esempio di Carmine possa servire ai nostri giovani, con l’augurio che possano ripercorrere le sue orme”.
Poi la parola è passata a Carmine, che ha così ringraziato la platea: “In ognuna di quelle gare, voi siete scesi in campo con me. Ogni mio successo è condiviso con voi”. Poi lo stesso ha spronato i più giovani: “Questi risultati rischiano di essere dispersi non dando la giusta continuità. Per questo vi chiedo anche di fare dei sacrifici. Mi rendo conto delle rinunce che questa attività prevede. Ma è anche vero che le soddisfazioni ripagano del tutto tali privazioni. Nola merita di puntare sempre al massimo, lottando per ottenere il meglio. E sono certo che potremo in futuro festeggiare altri grandi traguardi”.
Dopo i discorsi, spazio alla torta, preparata dal nostro associato Francesco Losco, e allo spumante, con i bicchieri a tintinnare in onore di un altro bellissimo risultato raggiunto da un’intera Sezione, da un’intera famiglia.

Nella foto, Carmine Russo, a sn. riceve una targa per le 100 gare in Serie A dal Presidente Vitale.

Russo e Vitale

10037

Incontro atletico-tecnico per gli arbitri di Eccellenza

Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro tecnico presso la Sezione di Caserta con trenta arbitri di Eccellenza e ventisei osservatori arbitrali. In mattinata gli arbitri della Serie A della Campania hanno svolto una seduta di allenamento allo stadio “Pinto” di Caserta.
Nel pomeriggio presso la Sezione arbitrale, che si trova all’interno dello stadio “Pinto”, guidata dal presidente Antonio Santangelo, c’è stato un incontro tra tutti i convenuti. Un bel gruppo di giovani di età intorno ai 22 anni. Il Presidente regionale Virginio Quartuccio ha incontrato gli arbitri e gli osservatori in un unico incontro nel quale ha fatto vedere una decina di filmati delle gare di Eccellenza disputate in queste 10 giornate.
«Incontri come questi – dichiara Quartuccio – a mio avviso servono moltissimo ad accelerare il processo di crescita dei ragazzi. Il solo ritrovarsi, fare gruppo, scambiarsi opinioni ed esperienze, è un fatto utilissimo. Siamo sempre abituati a vedere l’arbitro come un “uomo solo al comando”, colui che non fa parte di nessuna squadra, ma che deve decidere tutto da solo. É vero, in campo l’arbitro è assolutamente solo con se stesso, e guai se non fosse così. Alla fine le decisioni devono essere sue, anche se ha dei collaboratori di cui può fidarsi. Ma proprio per la natura del ruolo, non esiste la possibilità di mediazioni. É lui che decide. Anche quando raccoglie un suggerimento altrui, la decisione è sua. Detto questo fuori dal campo bisogna avere contezza di far parte di una squadra in tutti i sensi. Con compagni di squadra ed allenatori. Questi incontri servono proprio per fare squadra. Ognuno porta inizialmente la sua esperienza personale e ne esce condividendo quella di tutti gli altri».

Giovanni Aruta

footer1_10037 footer2_10037 footer3_10037

10023

Una terna “rosa” in Eccellenza.

Dopo sette anni ritorna una terna tutta rosa nel massimo campionato regionale: infatti il Presidente regionale Virginio Quartuccio ha designato per la gara di Eccellenza, Girone A, tra Sibilla Bacoli e Portici (terminata 1-2), giocata domenica 9 novembre, tre ragazze: arbitro Carmen Gaudieri della Sezione di Battipaglia, assistenti arbitrali Giuliana Ciccopiedi della Sezione di Avellino e Carmen De Angelis della Sezione di Nocera Inferiore.
Le tre ragazze hanno vissuto una domenica particolare con tanta emozione nei primi minuti. Poi hanno davvero impressionato mettendo in mostra grande intelligenza e senso di responsabilità. Il Presidente Quartuccio dopo anni ripropone una terna femminile nell’Eccellenza campana. “Questo è un ottimo segnale, – dice Quartuccio – anche le donne amano la nostra attività. Del resto gli stadi sono sempre più pieni di ragazze, una presenza che ingentilisce tutto l’ambiente. Le tre ragazze sono arrivate a dirigere una partita in Eccellenza perché lo hanno meritato. Noi concediamo a tutti pari opportunità”.
Intanto, nei corsi che da poco tempo sono iniziati nelle varie Sezioni della Campania cresce il numero di donne che vi partecipano.

footer1_10023

Giovanni Aruta