Archivio mensile:ottobre 2016

12920

Sezione di Torre del Greco

Full immersion regolamentare con giovani calciatori

Una serata non convenzionale quella tenutasi lo scorso 10 ottobre nella sala meeting di un hotel cittadino. Si è trattato, infatti, di un proficuo incontro tecnico richiesto dal Settore Giovanile della prima squadra cittadina alla Sezione arbitri di Torre del Greco per avere delucidazioni sulle novità regolamentari introdotte dalla Circolare n.1.
La Sezione, tramite il Presidente D’Antonio, ha subito aderito all’invito, perché più volte è stato detto che l’AIA è sempre disponibile a dare il suo contributo in termini tecnici e cioè a spiegare e ad illustrare il Regolamento gioco del Calcio agli addetti ai lavori. Per dare delucidazioni regolamentari, la Sezione di Torre del Greco ha inviato un relatore d’eccezione: l’associato Marcello Ambrosino, ex assistente arbitrale ai massimi livelli. All’evento, promosso dalla dirigenza della società corallina, erano presenti, tra gli altri, anche gli allenatori del Settore Giovanile e i componenti dell’area tecnica della prima squadra.
Dopo una breve presentazione dell’ospite e gli onori di casa del Presidente onorario del Club corallino, Marcello ha preso subito la parola raccontando ai presenti le tante esperienze arbitrali vissute sia in ambito italiano che in quello europeo. 
Con le spiccate doti relazionali che lo hanno sempre contraddistinto, Marcello ha letteralmente catturato l’attenzione dei giovani atleti intrattenendoli con una piacevole full immersion nel Regolamento, in particolar modo affrontando minuziosamente gli aspetti salienti delle modifiche apportate allo stesso (dalla battuta del calcio d’inizio alle precisazioni sul fuorigioco, dalle ammonizioni per fallo di mano all’evidente opportunità di segnare una rete). Non sono mancate poi le domande, oltre agli inevitabili spunti di riflessione dei presenti, alle quali Marcello si è gentilmente sottoposto riscuotendo tanti complimenti e dichiarando: «Anche noi ci prepariamo in settimana, visioniamo molte partite per evitare di farci trovare impreparati e ne discutiamo tra colleghi per analizzare gli eventuali errori. Siamo abituati a dare sempre il massimo per questo sport, che è la nostra grande passione».
Durante la serata, che è scivolata via velocemente, Marcello ha esposto anche vari aspetti prettamente pratici del modus operandi di un arbitro, spiegando come quest’ultimo curi la parte atletica sostenendo delle sedute di allenamento mirate, oltre che innovative, ad ottimizzare la sua prestazione settimanale.
Per Marcello e per la Sezione Arbitri di Torre del Greco il bilancio della serata è da ritenersi ampiamente positivo e va ad aggiungersi di diritto verso quell’innovazione che l’AIA ha tracciato, aperti a tutti e sempre disponibile nel contribuire a migliorare tutti gli aspetti di questo meraviglioso sport.

di Graziano Guarino e Giovanni Aruta

thumbfooter1_12920

12899

CRA Campania

Gli arbitri lavorano per migliorare le loro prestazioni

A Sarno si è svolto il primo raduno tecnico e atletico dei ventiquattro arbitri di Eccellenza, agli ordini del Presidente regionale Virginio Quartuccio. Dopo sette giornate di campionato, il Presidente Quartuccio ha voluto verificare lo stato di forma dei suoi ragazzi. Proprio per questo il loro “allenatore”, Quartuccio, ha voluto riunirli in un conclave tecnico di grande valenza. Per valutare insieme la stagione, per fare i test fisici, e per capire, in fin dei conti, a chi affidare le partite più importanti in assoluto.
Gli arbitri campani hanno effettuato i test atletici allo Stadio Squitieri. Una giornata di duro lavoro, dove ognuno ha dato il meglio di sé. Presente anche il referente atletico Oreste Rocchetti. Una giornata a Sarno far capire a tutti che gli arbitri si confrontano e si allenano, svolgono un grande ruolo di responsabilità.
Grande cortesia e disponibilità va riconosciuta al Sindaco di Sarno, Canfora, all’assessore allo sport Francesco Prevete ed a Santorelli e Orza, che fanno parte dello staff organizzativo del Comune. Hanno fatto sentire agli arbitri di essere a casa loro. 
Nel pomeriggio, il lavoro si è svolto presso il centro sociale di Sarno, con la presenza anche degli osservatori arbitrali, che fanno parte dell’organico di Eccellenza, presente anche il componente del Settore Tecnico Giovanni Pentangelo. Il Presidente Virginio Quartuccio, assieme ai suoi componenti: Pegno, Guarino, Pacifico, Alfano, Costa, Ripa, Toscano e Conte ha mostrato alla sua squadra numerosi filmati appositamente predisposti e divisi per argomento, oltre ad effettuare specifiche “match analysis”, volte a far comprendere le evoluzioni di alcune gare in funzione delle decisioni prese di volta in volta dagli arbitri. Lo stesso Virginio Quartuccio si è detto molto soddisfatto del lavoro fatto in questo inizio di campionato che si annuncia esaltante: «Gli arbitri sono atleti allo stesso modo dei calciatori. Per rendere al meglio devono essere in condizione atletica perfetta. Non solo per essere vicini al gioco, ma anche per essere lucidi al momento di prendere decisioni in poche frazioni di secondo». Come già avvenuto nella scorsa stagione sportiva, anche quest’anno il CRA Campania ha deciso di tenere i raduni regionali in sedi differenti, aumentando così la sinergia e la collaborazione con le diciassette Sezioni campane.

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_12899 thumbfooter2_12899 thumbfooter3_12899 thumbfooter4_12899 thumbfooter5_12899 thumbfooter6_12899 thumbfooter7_12899

12892

Sezione di Frattamaggiore

A Caimano l’aggiornamento tecnico precampionato 

Nei giorni scorsi si è tenuto il raduno precampionato della Sezione arbitri “Gennaro Marchese” di Frattamaggiore presso l’impianto sportivo “Sporting village” di Caivano. 
Misura di peso ed altezza all’arrivo, poi i test atletici che hanno rivelato una condizione fisica top dei giovani ragazzi, fra i quali si è distinto Giovanni Di Martino per aver realizzato un bellissimo 18.3 nello Yo-yo test. 
Dopo i test, i giovani arbitri frattesi hanno assistito ad una lezione sulle disposizioni dell’Organo Tecnico riguardante spostamento e posizionamento sul terreno di gioco, con il metodo di crescita rodatissimo presso la Sezione, ossia la “formazione on the job”. Questo metodo, ancora una volta, si è dimostrato vincente vista la grande mole di interrogativi giunta agli organi tecnici, al punto che anche il membro del Settore Tecnico, ed ex assistente di CAN Pro, Gianluca Mertino, si è complimentato con il Presidente Affinito, definendo i giovani estremamente fortunati perché hanno ricevuto indicazioni preziose in maniera incisiva.
Dopo i test e la “lezione” sul posizionamento, tutti i componenti hanno pranzato a pochi passi da dove avevano svolto i test per poi iniziare la riunione pomeridiana. Proprio l’ospite ha illustrato le novità regolamentari della circolare n.1, esordendo con una dichiarazione piena di cordialità: «Io non mi sento ospite a Frattamaggiore. Col vostro Presidente ho condiviso molte battaglie sui campi di CAN Pro e sono molto legato a questa Sezione», attirando la simpatia degli arbitri presenti.
Mertino ha, poi, proseguito illustrando la circolare n.1 definita “versione light” perché sapeva che gli arbitri avevano assistito a due lezioni approfondite in Sezione, mostrando comunque video che esemplificavano in maniera limpida le situazioni di gioco toccate dalle nuove norme regolamentari. Prima e dopo l’intervento del membro del Settore tecnico, Giuseppe Pellino (assistente in CAN D) ha mostrato le disposizioni dell’Organo Tecnico, Antonio Romano (referente atletico) la relazione dei test e Michele Affinito ha tenuto, dopo un breve discorso introduttivo, un discorso motivazionale, seguito dall’intervento del responsabile degli osservatori, Pasquale Saviano. 
«Sono contento che siamo riusciti a realizzare il raduno in un’unica location perché è giusto che i ragazzi familiarizzino con le situazioni che, si spera, troveranno nelle categorie superiori», ha dichiarato il Presidente Michele Affinito.

di Paciolla Fernando e Giovanni Aruta

thumbfooter1_12892 thumbfooter2_12892 thumbfooter3_12892

12887

Sezioni di Ercolano e Nola

Un raduno intersezionale vincente

Per la prima volta in Campania si è svolto un raduno intersezionale. Protagonisti nel segno di amicizia le Sezioni di Nola e quella di Ercolano: quest’anno infatti, i giovani arbitri delle due Sezioni hanno svolto il raduno precampionato insieme, giorno 8 ottobre, in una giornata non solo di quiz e test ma anche di divertimento e crescita comune. Due Sezioni che pensano al futuro degli arbitri. Il fatto di confrontarsi con gli altri e creare amicizia tra ragazzi della stessa età aiuta molto i giovani fischietti campani.
La prima fase atletica è iniziata di buon’ora al nuovissimo Campo Comunale di Casamarciano, dove nolani e ercolanesi hanno potuto iniziare a conoscersi, tra visita medica, 40 metri e Yo-Yo, nella speranza che tutti possano aver raggiunto almeno l’obiettivo minimo che si erano prefissati.
Tutti gli associati si sono poi ritrovati nella solita location della sala conferenze dell’Hotel dei Platani. Dopo l’accoglienza dei due Presidenti, Severino Vitale e Giuseppe De Luca, e degli ospiti, tra cui il sempre presente Ciro Pegno, c’è stato un interessante briefing sull’alimentazione adatta ad un arbitro, a cura del Dott. Daniele Pierno, associato nolano.
Grazie alle spiegazioni di Raffaele Rotondo, componente del Settore Tecnico, i giovani arbitri, prima di pranzo, hanno avuto un iniziale e approfondito chiarimento sulle modifiche della circolare n.1. Dopo si sono svolti i quiz regolamentari, con esiti ancora ignoti ai giovani arbitri, che potranno riceverli solo successivamente in Sezione.
L’intervento conclusivo è stato di Carmine Russo, che la maggior parte degli arbitri di Ercolano hanno avuto il piacere di vedere forse per la prima volta. L’arbitro di Serie A ha insistito in particolare su tre parole chiave che rappresentano tre aspetti fondamentali nell’attività di un membro dell’AIA: impegno, dedizione e vita sezionale; senza questi nessuno sarà mai un grande. 
Ma al di là dei test, dei quiz, delle circolari, delle disposizioni finali riguardo a pre-gara, allenamento, comportamento da assumere durante la partita, referti e quant’altro, quello che hanno voluto evidenziare tutti, dai Presidenti a Carmine Russo, a Lello Rotondo, è stata l’importanza di essere arbitro: questo è ciò che più si è voluto che gli arbitri del futuro capissero, e probabilmente si potrebbe identificare nel tema centrale della giornata. L’arbitraggio è un modo di essere e di vivere, e questa giornata trascorsa tutti insieme ne è l’esempio: l’arbitro è un passo avanti a chi non lo è. E non è un caso se, come ha confermato Rotondo, l’essere arbitro ha avvantaggiato e avvantaggia ancora molti anche nel mondo del lavoro. Questione di mentalità. Siamo privilegiati? No, semplicemente qualche anno fa abbiamo fatto tutti una scelta, tra le più importanti della nostra vita, che ci segnerà in bene per sempre.
Al termine del raduno i due Presidenti, Severino Vitale e Peppe De Luca, sono rimasti soddisfatti. «Il confronto dei ragazzi con altre Sezioni – dicono i due Presidenti – aiuterà i nostri ragazzi a relazionarsi ed a crescere anche come veri uomini». 

di Alessandro Passerotti e Giovanni Aruta

thumbfooter1_12887 thumbfooter2_12887 thumbfooter3_12887 thumbfooter4_12887 thumbfooter5_12887

12883

Sezione di Benevento

Il Raduno degli associati sanniti

Anche quest’anno la Sezione AIA di Benevento si è incontrata per il consueto raduno stagionale, che apre ufficialmente la stagione sportiva dei fischietti sanniti. Un raduno finalizzato alla crescita dei ragazzi, sia sul piano associativo che su quello tecnico. Il raduno si è svolto la mattina del 9 ottobre, presso il campo comunale di Pietrelcina (paese natale di San Pio).
Tanti gli associati presenti, dai più giovani ai più esperti, tutti spinti al campo con emozioni diverse: chi determinato per ben figurare allo yo-yo test, desiderosi i ragazzi, soprattutto i più giovani, di farsi notare. Divisi in tre gruppi gli arbitri hanno sostenuto brillantemente i test atletici, che come di norma consistono nello yo-yo test e nei 40 mt piani. Subito dopo i test, sciolta la tensione mattutina, è arrivato il momento delle disposizioni da parte del presidente Nazzareno Mignone, che ha intrattenuto i ragazzi sulle diverse disposizioni da attuare sul terreno di gioco e sulle regole da rispettare per meglio vivere e partecipare nella vita della Sezione.
Per il Calcio a 5, invece, dopo che gli associati hanno superato i test atletici, il Presidente e Pasquale Supino, neo referente sezionale del Calcio a 5, hanno illustrato le disposizioni, integrate anche dalle indicazioni del componente CRA Campania Calcio a 5 Mario Rossi, presente al raduno.
Al termine delle disposizioni impartite dai diversi organi tecnici, si è passato ad un momento di profonda commemorazione con la celebrazione di una messa in onore del compianto ex Presidente Francesco Castracane, da poco scomparso. La messa è stata celebrata sul campo di calcio di Pietrelcina dal parroco Don Renato Trapani, alla presenza di tutti gli associati e della famiglia Castracane.
Terminata la funzione religiosa, gli arbitri si sono spostati presso un hotel, dove, dopo aver pranzato, hanno partecipato alla lezione di aggiornamento sul regolamento riguardante le modifiche comportate dalla nuova circolare n°1; lezione tenuta con chiara competenza dal componente del Settore Tecnico Mauro Russo della sezione di Salerno. Alla fine della spiegazione gli associati hanno svolto i quiz tecnici superati brillantemente dopo l’esaustiva spiegazione posta in essere dal componente del Settore Tecnico.
Si è conclusa dunque l’impegnativa ma piacevole giornata con la soddisfazione di tutto il Direttivo, sia del Vicepresidente Mazzulla, che, del Presidente Mignone, che si è ritenuto soddisfatto dell’attenzione e della partecipazione dei ragazzi, che, sommata al buon grado di preparazione atletica, fanno ben sperare per la stagione sportiva che ormai è ai nastri di partenza.

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_12883 thumbfooter2_12883 thumbfooter3_12883

12880

CRA Campania

Cronometrista: un ruolo importante 

La Sezione di Torre Annunziata, sabato 15 ottobre, ha ospitato la prima riunione tecnica della stagione degli arbitri di Calcio a 5 inquadrati in serie C1. La riunione si è tenuta per discutere sulle negatività e le problematiche riscontrate in questo inizio di campionato, in particolare quelle riguardanti i cronometristi, novità assoluta per questa categoria.
La mattinata è iniziata con il saluto del Presidente della Sezione di Torre Annunziata, Stefano Pagano, sempre vicino alla disciplina del Calcio a 5. In seguito sono iniziati i lavori con l’intervento del Presidente Virginio Quartuccio, che ha detto che la C1 regionale, con l’introduzione del cronometrista, va allo stesso passo delle categorie nazionali e questo permette agli arbitri campani di arrivare ancora più preparati alla CAN 5.
Successivamente i due componenti regionali Giovanni Belcuore e Mario Rossi che hanno parlato dei compiti del cronometrista, che risulta difficilissimo perché deve riuscire a gestire tante situazioni in tempi veloci; anche se con qualche difficoltà iniziale, ora sembra che i colleghi siano entrati alla perfezione in questo ruolo. Scendendo poi nei dettagli tecnici, si è passati a vedere delle diapositive con i vari compiti della terna; se ognuno risponde alla perfezione, secondo i dettami del regolamento, ne viene fuori una prestazione ottimale del team arbitrale. Tutto ciò porta a ottenere una credibilità assoluta per gestire ogni situazione complessa.
Alla fine della riunione i due componenti Belcuore e Rossi, oltre a fare un in bocca al lupo ai colleghi che si recavano ai vari palazzetti per dirigere le gare della sesta giornata, hanno detto che questa è la prima di tante riunioni che seguiranno durante l’intera stagione.

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_12880 thumbfooter2_12880 thumbfooter3_12880 footer4_12880

12876

Sezione di Torre Annunziata

Lo stage precampionato a Ottaviano 

Anche quest’anno, come consuetudine, la Sezione di Torre Annunziata, su iniziativa del Presidente Stefano Pagano e del Consiglio Direttivo Sezionale, ha organizzato il raduno di inizio stagione per gli arbitri in forza all’Organo Tecnico Periferico. L’evento, svoltosi nei giorni scorsi, è stato organizzato in maniera tale da rispecchiare il più possibile l’impronta dei raduni regionali e nazionali, in modo da far vivere alle nuove leve arbitrali lo spirito formativo-aggregativo ed i ritmi intensi che motivano i nostri associati durante ogni concentramento. 
L’avvenimento, grazie alla fattiva collaborazione del collega Armando Salerno, è stato patrocinato dal Comune di Ottaviano, che, ancora una volta, ha dato prova di generosa ospitalità facendo sentire tutti i partecipanti come benvenuti e a casa propria, mettendo a disposizione degli arbitri torresi sia la struttura sportiva che uno scenografico e considerevole rinfresco.
La giornata è cominciata presso il campo sportivo di Ottaviano con la registrazione in segreteria, le rituali foto in divisa, la misurazione del peso ed altezza, in vista dei test atletici, dove il tradizionale spirito che anima i giovani colleghi è stato accompagnato dalla ricerca dell’ironia e dal piacere della compagnia. 
Con l’intervento del Vice-Presidente del Comitato Regionale Arbitri, Oreste Alfano, e dei componenti del Settore Tecnico, Rosario Angrisani della Sezione di Salerno e Gianluca Mertino della Sezione di Torre Annunziata, i lavori sono poi proseguiti presso la sede del Comune di Ottaviano, dove tra gonfaloni e stemmi, seduti tra i banchi del Consiglio Comunale, i giovani atleti, unitamente al gruppo di osservatori, hanno potuto ascoltare le prime disposizioni tecniche da parte del Presidente Pagano e dei consiglieri e misurarsi nelle prove tecniche. Breve pausa pranzo e ripresa immediata delle attività con Alfano, Mertino e Angrisani, che hanno esposto i dettagli della corposa circolare N° 1 . 
Prima della chiusura dei lavori, la correzione dei test tecnici ed il confronto sulle disposizioni tecniche. Il Presidente Stefano Pagano, nel ringraziare i partecipanti, ha poi sottolineato l’ospitalità di alto profilo ricevuta, auspicando che la stessa sensibilità possa essere avvertita anche dagli amministratori dei comuni limitrofi, in particolare da quelli di Torre Annunziata, Città in cui ha sede la Sezione.

di Enrico Nastri e Giovanni Aruta

thumbfooter1_12876 thumbfooter2_12876 thumbfooter3_12876 thumbfooter4_12876

 

12867

Sezione di Avellino

Due giorni di stage nel cuore dell’Irpinia

Come da tradizione, la Sezione di Avellino ha tenuto il raduno nel verde dell’Irpinia, presso il borgo di Nusco. Due giorni di lavoro intenso per gli arbitri che saranno impegnati nelle categorie provinciali, per prepararsi al meglio alla stagione che sta per cominciare. Più di cinquanta fischietti impegnati nei test atletici e nei quiz tecnici e altri venti osservatori che hanno recepito le direttive per le visionature degli arbitri.
Si è cominciato sabato 8 ottobre presso lo stadio di Nusco, con l’effettuazione dei test atletici: sotto gli occhi del referente Fabio Mattia Festa, tutti i ragazzi hanno superato le prove atletiche. Successivamente, dopo la sistemazione nelle camere di un hotel di Nusco, hanno raggiunto il teatro per una lezione tecnica. Il Presidente Zaccaria ha dato il benvenuto a tutti, presentando tutto il Consiglio Direttivo che quest’anno presenta delle new entry: oltre al citato Festa, spazio agli altri nazionali Spiniello e Domenico De Girolamo; mentre per gli osservatori sarà Giuseppe Falanga il responsabile: proprio lui ha subito tenuto una lezione sul modo di approcciare le partite, e su cosa cercano gli osservatori quando vanno a vedere le gare. Successivamente un passaggio sulla compilazione dei referti, a cura del referente Restieri, e sulle funzionalità di Sinfonia, a cura del segretario Roselli.
Dopo la visione di un simpatico filmato, si ritorna in hotel per la cena e per la consegna del materiale tecnico. Il giorno successivo è stato quello della spiegazione della circolare n.1, che quest’anno prevede una modifica sostanziale del regolamento. Ben tre ore di lezione tenute dal collega del Settore Tecnico Giovanni Pentangelo, della Sezione di Nocera Inferiore, il quale con grande dinamismo e chiarezza ha illustrato agli arbitri ed agli osservatori le enormi novità regolamentari.
Hanno raggiunto Nusco nella mattinata anche il Commissario regionale della FIGC, Cosimo Sibilia, che ha salutato gli arbitri irpini, ai quali si dichiara sempre molto legato, insieme al Delegato provinciale della FIGC Andrea Ruggiero. In rappresentanza del CRA Mario Pacifico, il quale ha sottolineato notevolmente l’importanza del lavoro della Sezione, che offre i suoi talenti alla regione che poi li dovrà lanciare in ambito nazionale. A fare gli onori di casa il Vice Sindaco Walter Vigilante, e l’Assessore alle Politiche giovanili Rosa De Simone, i quali si sono detti orgogliosi di aver ospitato per il secondo anno consecutivo il raduno della Sezione di Avellino e a cui sono stati rivolti numerosi ringraziamenti per l’ospitalità dimostrata.
Infine è giunto il momento delle premiazioni per la stagione scorsa: Fischietto D’Argento “Mimmo Nigro” come miglior arbitro nazionale a Domenico De Girolamo; Premio “Schiavone” come miglior regionale a Luigi Junior Palmieri; Premio “Schiavone” come miglior arbitro sezionale a Giorgio Guarino. Inoltre, il premio tecnico associativo è stato consegnato a Giuseppe Falanga.
Il presidente Zaccaria ha affermato: «Sono stati due giorni intensi e di crescita, tecnica e atletica. Sono soddisfatto delle risultanze, i nostri arbitri sono pronti, la stagione è agli inizi e dobbiamo dimostrare di essere all’altezza: il nostro lavoro non termina qui a Nusco ma comincia, seguiranno in Sezione numerose lezioni per far trovare sempre gli arbitri preparati in ogni circostanza, e ambire a raggiungere grandi risultati».

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_12867 thumbfooter2_12867 thumbfooter3_12867

12865

Sezione di Nocera Inferiore

Il raduno di due giorni per i giovani arbitri 

Partenza sprint per gli arbitri della Sezione di Nocera Inferiore guidati dal Presidente Carmine La Mura e dalla sua squadra. Si è infatti brillantemente conclusa, nella splendida cornice di un hotel di Mercato San Severino (SA) la due giorni di Raduno dell’Organo Tecnico Sezionale. 
Sotto l’attenta regia del Presidente La Mura, gli arbitri di Calcio a 5, nella mattinata di sabato 1 ottobre, hanno svolto e brillantemente superato i test atletici. In seguito, con l’arrivo degli osservatori, sia di Calcio a 5 che di Calcio, si è tenuta una prima riunione congiunta alla presenza del rappresentante del CRA Campania Mario Rossi e del Referente degli osservatori, Nicola Polito, durante la quale il Presidente La Mura ha esposto gli obiettivi del raduno ed illustrato l’Organigramma sezionale fornendo altresì chiare informazioni di carattere organizzativo per affrontare la stagione sportiva. 
Prima della pausa pranzo i due gruppi si sono divisi e, mentre agli osservatori veniva sviscerata dai componenti del Settore Tecnico Giovanni Pentangelo e Salvatore Russo la Circolare n. 1, il gruppo del Calcio a 5, diretto da Felice Milito (Vice Presidente), Mario Iacuzio (OTS C/5), Mario Rossi (OT CRA Campania) e Salvatore Santomarco (Componente del Settore Tecnico C/5), ha affrontato in una sala adiacente gli aspetti peculiari della disciplina prima di svolgere, tutti, i quiz tecnici. 
Dopo un pranzo conviviale, la platea si è riunita per affrontare tematiche inerenti: il Codice Etico e di Comportamento, a cura del Consigliere di Sezione Aniello Fimiani; gli adempimenti in caso di incidenti e aggressioni agli Ufficiali di Gara, a cura del Referente regionale della Commissione Esperti Legali Vincenzo D’Amore e del Referente sezionale Francesco Nobile; le Olimpiadi sul Regolamento a cura di Francesco Fasolino.
La domenica ha visto protagonisti gli arbitri di Calcio che, dopo essersi sottoposti fra l’altro anche alla prova peso e altezza, si sono adunati in una sala dove, dopo i saluti del Presidente Carmine La Mura, sono stati presentati il gruppo dei dirigenti e i loro Organi Tecnici Sezionali (Alfonso D’Ambrosi, Giovanni D’Andria, Sossio D’Errico e Luigi Surano). Inoltre è stato illustrato l’innovativo Progetto Sezionale “OTS Tutor – Arbitro” concepito sulla base del Progetto UEFA Talent/Mentor. Sono state fornite poi disposizioni riguardo l’accettazione delle gare, la richiesta di congedi/indisponibilità e i comportamenti da tenere prima, durante e dopo la gara (notizie riportate anche nel Prontuario Operativo consegnato, attraverso il portale Sinfonia4You, a tutti gli arbitri e osservatori e redatto sulla base di quelli consegnati dagli Organi Tecnici Nazionali (pur con le dovute semplificazioni e gli adattamenti per l’OTS).
Tutti i presenti hanno poi attentamente seguito, dopo i saluti del componente del CRA Campania Vincenzo Di Maio, le delucidazioni fornite dal componente del Settore Tecnico Giovanni Pentangelo relativamente alla rivoluzionaria Circolare n.1. Dopo il pranzo e la classica foto di gruppo, i giovani colleghi si sono ritrovati in aula dove hanno ricevuto la visita del Rappresentante AIA presso il Giudice Sportivo di Salerno, Vincenzo D’Angelo, del Presidente della Delegazione Provinciale di Salerno, Vincenzo Faccenda (già Arbitro Benemerito della Sezione AIA di Salerno), del Giudice Sportivo, Avv. Nicola Crisci, e dei suoi collaboratori che hanno affrontato le criticità emerse nella stagione precedente per quanto riguarda la compilazione dei referti. Presente tra i relatori anche Salvatore Gubitosa, già Presidente di Sezione per circa un ventennio e Delegato della Sezione alla recente Assemblea Generale dell’AIA. 
La giornata ha visto anche gli interventi di Aniello Fimiani, relativamente al Codice Etico e di Comportamento, di Valerio Di Stasio (Responsabile Nazionale Commissione Esperti Legali), di Vincenzo D’Amore (Referente regionale della stessa Commissione) e di Francesco Nobile (Referente Sezionale della medesima Commissione), relativamente agli aspetti inerenti la tutela degli associati in caso di incidenti e/o aggressioni. In seguito Francesco Fasolino ha illustrato il programma relativo alle “Olimpiadi del Regolamento”, che saranno proposte durante l’intero arco della stagione agli arbitri al fine di stimolare, anche con il divertimento, lo studio e l’approfondimento delle tematiche regolamentari. 
Al temine dei quiz tecnici per arbitri e osservatori, il Presidente La Mura ha ringraziato tutti gli intervenuti e i presenti per la partecipazione, la serietà e la professionalità.

di Giovanni Aruta

thumbfooter7_12865 thumbfooter6_12865 thumbfooter5_12865 thumbfooter4_12865 thumbfooter3_12865 thumbfooter2_12865 thumbfooter1_12865

12857

CRA Campania

Incontro con i Referenti Sezionali di Calcio a Cinque

A pochi giorni dall’inizio dei campionati di Serie D di Calcio a 5, si sono incontrati sabato 8 ottobre presso la sede del Comitato Regionale Arbitri Campania tutti i referenti delle diciassette Sezioni della Campania per una mattinata di formazione e confronto. Ad aprire i lavori il Presidente del C.R.A., Virginio Quartuccio, che, dopo aver ringraziato i presenti per la disponibilità e l’impegno che mettono ogni stagione, ha rilevato l’importanza del Calcio a 5, chiedendo di monitorare costantemente e stimolare i loro associati in un momento importante per la loro crescita.
Poi si è entrati nel vivo della riunione: ad illustrare lo scopo dell’incontro sono stati i due componenti Giovanni Belcuore e Mario Rossi, che, grazie alle loro competenze tecniche maturate in molti anni di attività, hanno approfondito le strategie per ottenere un ottimale gestione degli arbitri sotto i molteplici aspetti. Spiegando che il referente deve essere non solo il primo collaboratore dell’Organo Tecnico, segnalando gli arbitri promettenti, ma anche motivatore e promotore di una disciplina in via di espansione.
In chiusura si è detto che l’obiettivo fondamentale è aumentare qualitativamente il numero degli arbitri e osservatori di Calcio a 5. «Siamo in crescita, – dicono i due organi tecnici Mario Rossi e Giovanni Belcuore – i nostri arbitri sono giovani di qualità che possono aggiungere ottimi risultati. Ma tutti devono remare nella stessa direzione, le Sezioni devono proporre giovani interessanti». L’incontro si è chiuso con un grande entusiasmo tra tutti i referenti e i vertici del Comitato Regionale Arbitri.

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_12857 thumbfooter2_12857