Archivio mensile:gennaio 2017

13231

Sezione di Ercolano

Christmas party con Stefano Farina

Nella splendida cornice di Villa Signorini, settecentesca dimora facente parte del Miglio d’Oro, si è tenuta la cena prenatalizia della Sezione “A. Kellner” di Ercolano. Ospite d’eccezione della serata il commissario CAN B Stefano Farina, che per circa due ore ha intrattenuto con carisma ed ottime doti oratorie la folta platea accorsa, fra cui il Presidente del CRA Virginio Quartuccio, gli arbitri ed assistenti campani della CAN A e della CAN B e diversi Presidenti di Sezione.
In una riunione tecnica che ha toccato vari punti, ma che ha messo in particolare l’accento sulle emozioni e la passione che caratterizzano il ruolo arbitrale (fatto talvolta di momenti difficili e di vera e propria “resistenza” alle avversità), il motto con cui l’ex arbitro internazionale ha concluso la riunione è stato “Resisto dunque sono”. Sono stati analizzati diversi filmati e la capacità di adattarsi in fretta ai cambiamenti è stata identificata da Farina come l’arma vincente dell’arbitro moderno.
Nel corso della serata, sono stati inoltre consegnati come da tradizione i premi agli arbitri sezionali: a Saverio Esposito ed Alessandro Ruocco i premi “Fiengo” e “Giaquinto”, rispettivamente come miglior arbitro ed assistente regionale; a Mauro Pignalosa il “Tortora” come miglior debuttante nelle categorie regionali e a Valerio Esposito quello in memoria del giovane Di Dato, come miglior arbitro del raduno precampionato. Infine, assegnato a Liberato Maione il premio più prestigioso “Amedeo Kellner”, come miglior arbitro dell’Organo Tecnico Sezionale e a Raffaele Rotondo il premio del Consiglio Direttivo Sezionale, come riconoscimento per i 16 anni di Presidenza trascorsi.
«Sono certo che difficilmente dimenticherò questa serata: la mia prima festa natalizia da Presidente in cui un grande dirigente come Stefano è venuto a farci visita. Oggi grazie a lui abbiamo certamente arricchito il nostro bagaglio d’esperienza». Così ha salutato i suoi associati il giovane Presidente Giuseppe De Luca, entusiasta ed emozionato allo stesso tempo, per una giornata destinata ad entrare negli annali della Sezione vesuviana.

di Antonio Acampora

Didascalia foto:
– foto 1: il Presidente De Luca fa gli onori di casa;
– foto 2: Farina durante la riunione;
– foto 3: Consegna della targa a Claudio La Rocca per le 100 presenze in A;
– foto 4: Premio del CDS a Raffaele Rotondo per i 16 anni di Presidenza;
– foto 5: Premio Amedeo Kellner a Liberato Maione;
– foto 6: i Presidenti di Sezione presenti alla cena;
– foto 7: Arbitri e Assistenti della CAN A e della CAN B;
– foto 8: il Presidente De Luca consegna degli omaggi a Farina.

thumbfooter1_13231 thumbfooter2_13231 thumbfooter3_13231 thumbfooter4_13231 thumbfooter5_13231 thumbfooter6_13231

13229

Sezione di Napoli

Stella di Bronzo C.O.N.I. a Gennaro Colella

Stella di Bronzo del CONI per Gennaro Colella. Arbitro benemerito, per anni Presidente della Sezione di Napoli e Vice Presidente del Comitato Regionale Arbitri. Un uomo che ha dedicato il tempo libero a questa passione.
«I premi fanno sempre piacere, ci mancherebbe. – ha affermato Colella – Ma la Stella di Bronzo del CONI è un riconoscimento speciale che mi inorgoglisce”. È al settimo cielo Colella, oggi Delegato degli Ufficiali di Gara. «Quando ho iniziato ad arbitrare – continua – non avrei mai immaginato che sarebbe stato per tutta la vita. Un ragazzino inizia ad arbitrare per avere un ruolo nel mondo del Calcio. Ma questo è un mondo speciale, che ti conquista. Ho ricoperto vari incarichi, anche vice CRA. Quello che più mi piaceva era Presidente della Sezione di Napoli, una delle più grandi d’Italia. L’incontro quasi quotidiano coi ragazzi mi è sempre piaciuto molto. Poter dare loro consigli è bellissimo. Soprattutto c’era la possibilità di rivedersi in ciascuno di quei ragazzi. Un modo per restare sempre giovani».
Adesso questo riconoscimento che arriva non dal mondo arbitrale. «Il Coni è la casa dello Sport in Italia. È un onore per me avere un riconoscimento del genere. Un premio che non vedo come un punto di arrivo. Il premio alla carriera arriva quando non si ha più nulla da dare. Io mi sento ancora un arbitro a tutti gli effetti. Certo non possono scendere in campo, ma posso dare consigli, aiutare i giovani arbitri, ed anche i giovani dirigenti arbitrali. La Stella di Bronzo del CONI è un premio per quello che ho fatto sin qui. Ed uno sprone a fare di più in futuro. Sotto certi punti di vista è un punto di partenza. Diciamo di ripartenza».

thumbfooter1_13229

13218

Sezione di Nocera Inferiore

Stella d’Argento C.O.N.I. a Salvatore Gubitosa

È stata consegnata all’Arbitro Benemerito Salvatore Gubitosa, già Presidente di Sezione per circa un ventennio, la Stella d’Argento CONI al Merito Sportivo, quale riconoscimento al suo impegno dedicato allo Sport, al Calcio in particolare, in tanti anni di servizio e abnegazione.
La cerimonia di premiazione si è tenuta presso il Salone Bottiglieri della Provincia di Salerno, alla presenza di numerose Autorità Civili, Militari e Religiose, fra le quali il Presidente della Provincia di Salerno Giuseppe Canfora, il Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, il Presidente del CONI Campania Cosimo Sibilia, il Delegato Provinciale CONI Salerno Paola Berardino, il Componente della Giunta Nazionale del CONI Nello Talento.
Le Stelle al Merito Sportivo sono una onorificenza istituita nel 1933 per attestare, di fronte al mondo sportivo, i meriti e le capacità del soggetto cui va l’investitura e vuole essere un riconoscimento che va a sancire il contributo offerto alla crescita ed all’affermazione dello Sport.
Salvatore Gubitosa, nato a Nocera Inferiore il 5 novembre 1955, è arbitro dal 1975 ed ha ricoperto numerosi incarichi tanto in ambito AIA quanto in ambito FIGC; ultimo quello di Presidente di Sezione dal 1997 al 2016. Dallo scorso ottobre è stato nominato, dal Comitato Nazionale per il quadriennio 2016/2020, Componente della Procura Arbitrale Regionale, precisamente Sostituto Procuratore Arbitrale delegato in ambito regionale. Un importante e significativo risultato non solo per Gubitosa, ma anche per la figura arbitrale in generale, riconosciuta all’interno del CONI come punto di riferimento e sempre più caposaldo di valori morali ed etici imprescindibili nell’ambito sportivo.
Presenti alla cerimonia, inoltre, in segno di rappresentanza dell’intera Sezione di Nocera Inferiore, il Presidente Carmine La Mura, il Vice Presidente Felice Milito, i Consiglieri di Sezione Mario Cascone, Giovanni D’Andria, Aniello Fimiani, oltre anche a diversi associati.
«Il prestigioso riconoscimento – ha dichiarato Gubitosa al termine della manifestazione di consegna – non può che rendermi felice e desidero per questo ringraziare il CONI per la fiducia accordata al lavoro da me svolto in tutti questi anni conferendomi un’onorificenza importante e significativa come la Stella d’Argento al Merito Sportivo».

thumbfooter1_13218 thumbfooter2_13218 thumbfooter3_13218 thumbfooter4_13218 thumbfooter5_13218

13221

CRA Campania

Incontro con gli osservatori arbitrali di Calcio a 5

Nel pomeriggio di giovedì 29 dicembre, presso la Sezione di Nola, si è svolta una riunione tecnica con gli osservatori di Calcio a 5 di Serie C1 e C2.
La prima parte della riunione ha avuto come tema centrale il comportamento, elemento importante per un arbitro: il Presidente CRA Virginio Quartuccio ha puntualmente toccato tutti gli aspetti che aiutano un arbitro a migliorarsi, dando i giusti consigli. Mentre nella seconda parte, quella tecnica, il Presidente CRA e i componenti Mario Rossi e Giovanni Belcuore hanno dato ampio spazio ad alcuni filmati delle final four di tutte le coppe regionali, a iniziare da quella della Serie C1 per terminare alla femminile, giocatosi durante la sosta dei campionati. Guardando i filmati, l’attenzione si è incentrata, oltre che sulla questione tecnica, anche sui provvedimenti disciplinari da assumere nelle situazioni visionate, ponendo l’accento sul fatto che la tempestività nell’adozione di un’ammonizione o di un’espulsione è fondamentale.
Molto apprezzato è stato l’intervento del Presidente della Sezione, Severino Vitale, che ha ricordato che anche i grandi campioni analizzano i loro errori. Infine, prima del saluto finale, il Presidente Quartuccio ha detto che l’obiettivo di queste riunioni è quello di continuare a dare formazione a questa disciplina che negli ultimi anni è cresciuta moltissimo sia a livello regionale sia nazionale.
Dopo i saluti finali e il brindisi di fine d’anno gli osservatori arbitrali del Calcio a 5 regionale hanno ricevuto gli auguri da Quartuccio e dai due componenti per la seconda parte del campionato di Serie C1 e C2.

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_13221 thumbfooter2_13221 thumbfooter3_13221 thumbfooter4_13221 thumbfooter5_13221 thumbfooter6_13221 thumbfooter7_13221

dig

CRA Campania

Incontro tecnico atletico di fine anno per gli arbitri di Calcio a 5

Si è svolto giovedì 29 dicembre a Nola, un incontro tecnico atletico degli arbitri di Futsal inquadrati in serie C1, dei tre talent e dei migliori dieci della Serie C2, ormai prossimi al debutto. Si è iniziato di buona mattina sul campo sportivo di Casamarciano, dove i fischietti hanno sostenuto un’ora e mezza di denso allenamento, sotto gli occhi dei due componenti Giovanni Belcuore e Mario Rossi, sfidando le basse temperature.
Dopo si sono spostati presso l’accogliente Sezione di Nola per la parte tecnica. Dopo il saluto di benvenuto del Presidente Severino Vitale, sempre vicino a questa disciplina, c’è stato il saluto del Presidente del CRA Virginio Quartuccio, che tiene molto a quest’incontri che servono per la crescita dei ragazzi, ed ha esortato gli arbitri di dare il massimo perché i campionati sono arrivati al girone di ritorno, dove si decidono i giochi.
Poi sono stati svolti, con ottimi risultati, i test tecnici. In seguito Giovanni Belcuore e Mario Rossi, con la visione di filmati, hanno discusso degli errori commessi durante la prima parte del campionato e come comportarsi nel proseguimento del campionato. Giovanni Belcuore ha detto: «Gli obiettivi sono raggiunti con il duro lavoro e il sacrificio, quello che voi fate ogni stagione e lo dimostrate anche oggi, in una giornata freddissima, con la vostra presenza». Mario Rossi ha aggiunto: «Continuate a lavorare perché solo così si possono raggiungere grandi traguardi, sia per voi sia per la regione».
Prima di congedare i colleghi c’è stato il consueto brindisi di fine anno e un in bocca al lupo ai colleghi che il giorno 6 e 7 sono impegnati nella Final four di Coppa Campania di Serie C2.

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_13214 thumbfooter2_13214thumbfooter4_13214 thumbfooter5_13214 thumbfooter6_13214