Archivio mensile:aprile 2017

13743

Sezione di Castellammare di Stabia

La visita di Niccolò Baroni

Nei giorni scorsi si è svolta presso i locali sezionali, la Riunione Tecnica, tenuta dall’Arbitro a disposizione della CAN B Niccolò Baroni. Davanti alla quasi totalità degli associati, in un salone stracolmo, il giovane collega ha tenuto un incontro tecnico degno delle aspettative. Focalizzandosi su aspetti attinenti alla preparazione della gara, alla gestione di episodi “specifici” e alla cura maniacale dei dettagli, Niccolò ha saputo tenere, con massima semplicità, l’attenzione della platea.
Dopo i saluti di rito, del Presidente della Sezione, Rodolfo Di Vuolo, del Vice Genny Sbrescia e del Consiglio Sezionale, si è passati subito alla disamina di episodi attinenti alla gestione di gare di LEGA PRO e Serie B, che hanno riguardato Baroni. Nella fattispecie, situazioni relative al rapporto con calciatori, concentrazione e determinazione nella gestione delle gare. Il collega ha saputo suscitare, avocando le sue esperienze, la giusta intensità e le giuste motivazioni, in primis ai giovani dell’Organo Tecnico Sezionale e poi a quelli del Regionale, in particolar modo, ad alcuni colleghi prossimi al debutto nelle categorie dell’Eccellenza e Prima Categoria campana.
L’incontro, molto proficuo, ha visto la possibilità di interfacciarsi con l’ospite sia per gli osservatori che per gli arbitri della Sezione della città delle acque. Non sono mancate domande, di carattere tecnico, sugli aspetti più disparati delle immagini viste. Niccolò non si è certo risparmiato a rispondere alle tante riflessioni fatte.
La serata, dagli ottimi contenuti tecnici, cosi come da sempre, dall’inizio di questa stagione, voluto dal Presidente, a disposizione della CAN A, Rodolfo Di Vuolo, è stato un ulteriore momento di crescita e di miglioramento per i fischietti stabiesi. «Un serata, degna di nota, un momento di crescita ed elevazione umana e professionale. – ha così commentato il Presidente – Sulla scorta della mia impostazione, voluta dal primo momento del mio insediamento, ho voluto, com’è giusto che sia, che le riunioni tecniche, specie con ospiti del Settore Tecnico o delle Commissioni nazionali devono essere un momento di vera e propria formazione arbitrale». Al termine della serata tanti giovani fischietti stabiesi non si sono certo sottratti dal porre altre domande e curiosità al collega Niccolò dinanzi ad una ottima pizza.

di Giuseppe Minichino e Giovanni Aruta

thumbfooter1_13743

13734

CRA Campania

Progetto Talent & Mentor, ultimo meeting.

Nei giorni scorsi, i talent campani, guidati dai due mentor Luigi Signoriello della Sezione di Napoli e Gianluca Mertino della Sezione di Torre Annunziata, hanno partecipato all’ultimo incontro del progetto Talent & Mentor UEFA Convention. L’incontro si è svolto ad Ercolano in occasione del raduno mensile degli arbitri di Eccellenza.
Tutto ha avuto inizio nella mattinata dove si è svolto un allenamento presso l’impianto Solaro in compagnia dell’Assistente Claudio La Rocca. Lì i talent hanno avuto anche il piacere di scambiare opinioni con il collega internazionale Marco Guida di Torre Annunziata, che ha tenuto a sottolineare l’importanza di questo progetto e quanto l’AIA creda nel percorso dei Talent.
I mentor, con passione e professionalità, hanno mostrato ai talent i vari posizionamenti da assumere sul terreno di gioco, sia a gioco fermo che a gioco in svolgimento, sottolineando l’importanza del campo visivo, la vicinanza all’azione e soprattutto quanto sia utile essere orientati ad assumere un posizionamento idoneo per una collaborazione ottimale con gli Assistenti.
In seguito il gruppo si è recato presso la Sezione di Ercolano, dove, dopo un saluto di benvenuto da parte del Presidente regionale Virginio Quartuccio, si è recato in una sala allestita per l’occasione. All’intero gruppo è stato mostrato un video di carattere motivazionale orientato a far rivivere quanto vissuto nella due giorni trascorsi nel Centro Tecnico Federale di Coverciano. Successivamente è iniziata la lezione concentrata sulle tematiche dell’accettare e superare le sconfitte di percorso, come preparare psicologicamente una partita e come relazionarsi con i calciatori.
Ai giovani è stata mostrata una slide contenente una matrice formata dalle voci “IO”- “NOI”-“ALTRI” e “BLIND ZONE” (zona buia), sulla quale, col sostegno di Signoriello e Mertino, l’intero gruppo è arrivato alla conclusione che ponendo sempre domande a se stessi e mettendosi in discussione si può migliorare al massimo delle proprie capacità.
Grazie al supporto multimediale sono stati visionati vari video di partite dei talent, con commenti di carattere tecnico e disciplinare. A conclusione ogni mentor ha fatto un resoconto sull’andamento stagionale e sulla crescita di ogni talent.
Al termine l’intero gruppo ha ringraziato i mentor con un lungo applauso per quello che hanno fatto in questi mesi per loro.

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_13734 thumbfooter2_13734

13712

Sezione di Nocera Inferiore

Incontro tecnico con Giancarlo Rubino della CAN D

Continuano per la Sezione nocerina le riunioni tecniche itineranti: lo scorso 21 marzo è stata la volta di Giancarlo Rubino, Vice Responsabile della CAN D. Tanti gli associati che hanno gremito la suggestiva aula consiliare del Comune di Sant’Egidio del Monte Albino. Dopo gli onori di casa del Sindaco Nunzio Carpentieri, il Presidente Carmine La Mura ha dato la parola a Giancarlo, non senza ringraziare le istituzioni presenti e mostrare il consueto video di benvenuto.
Giancarlo si è lungamente soffermato sul ruolo dell’arbitro in campo, aggettivandolo “competente, rispettoso ed affidabile”. L’ex assistente arbitrale alla CAN A ha poi richiamato l’attenzione della platea mostrando alcuni video riguardanti aspetti tecnico-comportamentali degli arbitri in campo, sui quali diversi associati sono intervenuti, dimostrando competenza ed entusiasmo. L’intervento di Rubino è stato sicuramente un ulteriore ed importante momento di crescita tecnica ed umana dei fischietti nocerini.
A fine serata il Presidente della Sezione, Carmine La Mura, ha ripreso la parola ringraziando l’ospite ed omaggiandolo di un piatto ricordo. «Ospitare un Componente della Commissione Arbitri di Serie D è motivo di grande soddisfazione per la nostra Sezione e per gli associati. Conoscevo benissimo lo spessore sia umano che tecnico di Giancarlo Rubino e stasera, nel suo intervento, ha confermato quello che ho sempre saputo», questo il suo commento al termine della serata. Al termine dell’incontro c’è stato un gran entusiasmo tra i giovani. Questo è un segnale che con il confronto si cresce.

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_13712 thumbfooter2_13712 thumbfooter3_13712 thumbfooter4_13712 thumbfooter5_13712 thumbfooter6_13712 thumbfooter7_13712

13696

CRA Campania

Penultimo raduno di Eccellenza e Promozione

Siamo arrivato quasi a metà stagione, diciamo che si chiude il primo quadrimestre, e sono state consegnate agli arbitri di Eccellenza le pagelle. Non è proprio così, ma l’incontro tenutosi ad Ercolano è servito indubbiamente anche a questo. Test atletici e tecnici per tutti, e poi il punto della situazione per vedere come sta andando la stagione. Gli arbitri sono una squadra, e giocano la loro partita. In mattinata ben ventiquattro giovani di qualità appartenenti all’organico di Eccellenza, poi otto giovani Talent e diciotto Future/Talent si sono ritrovati allo stadio “Solaro” di Ercolano, dando un bellissimo colpo d’occhio con il campo in erba sintetica. I ragazzi hanno svolto una seduta di allenamento agli ordine del referente atletico Oreste Rocchetti.
Il presidente regionale Virginio Quartuccio ha svolto una lezione in campo sullo spostamento e sulle posizioni da adottare sui calci di punizione fuori area.
Nel pomeriggio, gli arbitri di Eccellenza e i giovani Future/Talent sono stati accolti dalla Sezione di Ercolano, guidata dal Presidente Giuseppe De Luca per proseguire il loro lavoro su temi tecnici.
Ne parla il Presidente regionale degli arbitri Virginio Quartuccio: «Questi incontri con tutti i ragazzi fanno parte del loro processo di crescita. Stare insieme, analizzare alcuni episodi, controllare la loro condizione fisica, ed anche verificare la loro conoscenza tecnica è solo parte della finalità di queste riunioni. I ragazzi devono dimostrare di sapere migliorare settimana dopo settimana. Sono questi gli anni più importanti per la loro formazione».

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_13696 thumbfooter2_13696 thumbfooter3_13696 thumbfooter4_13696 thumbfooter5_13696 thumbfooter6_13696 thumbfooter7_13696

13688

CRA Campania

La verifica degli Osservatori Arbitrali

A Nola si è tenuto il Corso di Aggiornamento e di verifica per venti Osservatori Arbitrali campani. In pratica dopo due anni dall’esame di Qualificazione, gli osservatori sono tenuti ad essere sottoposti a verifica. Gli onori di casa toccano al Presidente della Sezione di Nola, Severino Vitale, sempre molto disponibile. Dopo, il saluto del Presidente regionale Virginio Quartuccio che ha evidenziato il ruolo dell’osservatore arbitrale, molto importante all’interno della Associazione. «Bisogna impegnarsi sempre di più calarsi nella realtà, – ha detto Quartuccio – solo con l’impegno e la voglia di dare sempre possono crescere i nostri giovani talenti». Poi spazio alla Commissione presieduta dal componente del Comitato Nazionale Umberto Carbonari di Viterbo, e composta dai componenti del Settore Tecnico Fabio Banconi e Cristiano Partuini e dal responsabile degli osservatori campani Ciro Pegno.
In mattinata, gli osservatori sono stati sottoposti ai test tecnici, composti da ben trentasei domande. Poi, i componenti del Settore Tecnico, Partuini e Banconi, hanno illustrato cosa vuole l’AIA oggi dagli osservatori, come si deve giudicare l’arbitro e come si svolge il colloquio finale. Il ruolo degli osservatori arbitrali è di fondamentale rilevanza. Sono sostanzialmente coloro che valutano la prestazione di un arbitro e che alla fine determinano la loro carriera. Non un ruolo facile. Ecco perché è importante avere ex arbitri molto qualificati che siano in grado anche di valutare il lavoro dei giovani colleghi. Valutare la prestazione di un arbitro non è la cosa più semplice del mondo. Un osservatore valuta la prestazione atletica di un arbitro, la sua capacità di stare in campo, la sua capacità di imporre il rispetto in campo. In generale anche la personalità dimostrata nel prendere le varie decisioni.
Dopo gli osservatori hanno visionato un arbitro attraverso un filmato, una gara di Juniores ed hanno compilato la relazione.
«La Campania è una regione molto importante, – afferma il componente del Comitato Nazionale Umberto Carbonari – la preparazione degli osservatori arbitrali è buona, ma tutti devono fare di più. L’AIA chiede maggiore professionalità, ma soprattutto un giudizio sempre chiaro e trasparente sui giovani arbitri. Abbiamo bisogno di osservatori che ci mettano la faccia».
Nel pomeriggio, i venti osservatori campani hanno effettuato il colloquio con la Commissione. Per loro una giornata di crescita consapevoli che la loro funzione è davvero importante per la maturazione dei giovani arbitri.

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_13688thumbfooter2_13688 thumbfooter3_13688 thumbfooter4_13688 thumbfooter5_13688 thumbfooter6_13688 thumbfooter7_13688

13674

Sezione di Frattamaggiore

Mauro Russo: <<In campo si va concentrati>>

Nei giorni scorsi si è tenuta la riunione tecnica obbligatoria alla Sezione arbitri “Gennaro Marchese” di Frattamaggiore con la presenza del componente del Settore Tecnico, Mauro Russo. Dopo essersi presentato, l’ospite ha mostrato ai ragazzi quelli che sono definiti “i test del futuro”, ossia dieci video test, a cui i giovani fischietti frattesi hanno dovuto rispondere, indicando su un foglio i provvedimenti – disciplinari e tecnici – in pochi secondi.
Le immagini mostrate hanno riguardato le innovazioni introdotte dalla circolare numero 1, ossia chiara occasione da rete (DOGSO) e fallo avvenuto fuori dal terreno di gioco, assieme a particolari casistiche sul fuorigioco del tipo “wait and see” e calciatore in fuorigioco sulla linea di visione del portiere. Il relatore, vedendo un po’ d’apprensione in alcuni giovani in virtù dei soli dieci secondi a disposizione per rispondere ha precisato: «Ragazzi, i dieci secondi servono più che per farvi scrivere per riflettere, perché in campo avete anche meno tempo per guardare, pensare e decidere se fischiare o meno e quale provvedimento adottare».
Al di là dei quesiti, delle risposte e, proprio in vista delle molte decisioni da prendere sul terreno di gioco e non, Russo ha ricordato come la sicurezza di un arbitro sia fondamentale per elevare la propria figura anche negli errori, che sono parte di qualsiasi mestiere. Alla fine del video test il componente del Settore Tecnico ha esposto le risposte corrette, decise ovviamente dal Settore Tecnico, e costruito un vivace momento di discussione con gli associati.
A fine riunione il Presidente Michele Affinito ha dichiarato: «È stata una bellissima riunione perché noi discutiamo spesso su video di casistiche di categorie superiori e dei nostri stessi associati perché il nostro mantra è: “Si cresce per confronto”. Però rispondere a dieci test consecutivi in dieci secondi, indicando i relativi provvedimenti dopo aver visto l’episodio una sola volta, è un’occasione di crescita e di “stress-test” che non potrà fare altro che bene a chiunque abbia la passione per l’arbitraggio».

di Ferdinando Paciolla e Pasquale Rosario Iazzetta

thumbfooter1_13674 thumbfooter2_13674

13653

Sezione di Sala Consilina

Quartuccio: <<Affrontate gli impegni con professionalità>>

Con la visita alla Sezione di Sala Consilina, martedì 14 marzo, si è concluso il giro annuale nelle diciassette Sezioni arbitrali della Campania, per il Comitato Regionale Arbitri guidato da Virginio Quartuccio. Un incontro che ha soddisfatto gli arbitri valdianesi: tanti, e di notevole interesse, i temi affrontati nel corso della serata dal n.1 dei fischietti campani.
Con la spontaneità di sempre, il Presidente Quartuccio ha rimarcato l’importanza della formazione tecnica e del ruolo che riveste nella vita associativa dell’arbitro una Sezione, che da sempre è il luogo ideale per confrontarsi anche con colleghi più esperti. «Senza andare troppo indietro negli anni – ha detto Quartuccio rivolgendosi alla platea – avete in Sezione sei ragazzi che sono l’esempio perfetto di come si possano raggiungere gli obiettivi impegnandosi e lavorando duramente. Avete nel Calcio a 5 il Presidente, Gianpiero Cafaro, che quest’anno ha esordito in Serie A2 e il vostro Segretario, Giuseppe Aumenta, sempre impegnato in gare di Serie B. Per non parlare del Calcio: un assistente, Massimo Manzolillo, impegnato in importanti gare di Lega Pro e tre fratelli che sono il fiore all’occhiello di questa Sezione. Manuel Robilotta, assistente in Serie B, Ivan arbitro di Lega Pro reduce dalla diretta TV su Rai Sport, e il più piccolo della famiglia Cristian, arbitro CAI designato per i quarti di finale della Coppa Italia Nazionale. A loro – ha proseguito Quartuccio – dovete ispirarvi e prendere quanti più consigli possibili per la vostra crescita».
Il Presidente regionale ha poi tracciato per sommi capi un bilancio della stagione sportiva e, nell’esortare tutti a dare il massimo contributo, ha ricordato come l’AIA – in piena sinergia con i CRA – compie quotidianamente numerosi sforzi per garantire arbitri di qualità. «Non vogliamo fenomeni, ma ragazzi disposti a mettersi in gioco con umiltà e un sano spirito di autocritica. – ha commentato Virginio Quartuccio – Ci possono stare degli errori, ma mi aspetto da un buon arbitro la capacità di reagire agli insuccessi. Troppo spesso ci si esalta per una prestazione positiva e allo stesso modo ci si demoralizza per una negativa». Per quanto riguarda gli sforzi che il CRA ha compiuto quest’anno per migliorare le prestazioni arbitrali, il presidente Quartuccio ha sottolineato la novità introdotta, quella che il referente atletico regionale andasse nelle Sezioni per una lezione atletica-pratica.
Infatti nel pomeriggio, presso il campo sportivo di Polla, il Prof. Oreste Rocchetti, ha incontrato i fischietti valdianesi. Molto partecipata e attiva la seduta di allenamento, nella quale il professor Rocchetti ha spiegato le metodologie di allenamento. Alla parte pratica è preceduta quella teorica nella quale il Professore ha spiegato le differenze di un lavoro aerobico da quello anaerobico, anche in relazione alla designazione o non dell’atleta nel fine settimana.
Tornando all’incontro serale, i vari componenti di ogni categoria hanno fatto il punto sull’andamento degli arbitri valdianesi. In conclusione di serata il Presidente sezionale, Gianpiero Cafaro, ha voluto ringraziare a nome di tutti gli arbitri di Sala Consilina la Commissione per la gradita visita. «Abbiamo vissuto una serata di alto livello. – ha detto il presidente Cafaro – Si è parlato di come migliorare le prestazioni degli arbitri, di come crescere in Sezione sia come uomo che come arbitro. Posso ritenermi soddisfatto dei miei ragazzi, ciò significa che il grande lavoro che sto svolgendo insieme al Consiglio Direttivo sta facendo raccogliere i suoi buoni frutti. Cercherò di fare ancora del mio meglio e invoglierò ancora di più i miei arbitri a dare il massimo per inseguire, anche con il nostro aiuto, i propri sogni».
Virginio Quartuccio, salutando i presenti si è complimentato per l’andamento di questa Sezione, dichiarando: «Divertitevi, sorridete sempre e continuate ad affrontare ogni impegno con tutta la professionalità possibile. Si cresce maturando esperienze. C’è un tempo per ogni cosa e ogni cosa ha il suo tempo».

di Giovanni Aruta

thumbfooter1_13653 thumbfooter2_13653 thumbfooter3_13653 thumbfooter4_13653 thumbfooter5_13653 thumbfooter6_13653 thumbfooter7_13653

13650

Sezione di Benevento

La lezione del Mentor Signoriello

Nei giorni scorsi nella Sezione sannita, la consueta riunione ha ospitato uno dei “gioielli dell’AIA”: il collega della Sezione di Napoli, Luigi Signoriello, componente per la terza stagione consecutiva del Settore Tecnico, modulo mentor/talent program UEFA convention. Accolto dal Presidente Nazzareno Mignone, con molta stima per aver avuto ben tre arbitri beneventani nelle ultime tre stagioni sportive (tra cui una quella in corso) nel progetto mentor/talent. L’incontro ha visto una grande partecipazione dei giovani talenti sanniti.
Signoriello ha impartito dei chiarimenti sulla circolare n 2 introdotta dall’IFAB durante il corso della stagione sportiva. L’Intervento di Signoriello ha toccato punti importanti oggetto di recenti modifiche regolamentari come il DOGSO e i falli di mano. Grazie alle sue brillanti capacità espositive e professionali, il collega Signoriello ha egregiamente intrattenuto la platea, creando di fatto un generale clima di interesse anche grazie alle continue interazioni createsi con gli arbitri sanniti. Tramite l’utilizzo di diversi filmati Signoriello ha concretamente fatto comprendere in che modo comportarsi sui terreni di gioco, analizzando anche episodi riguardanti la collaborazione tra arbitro ed assistenti.
Al termine della riunione, il Presidente Nazzareno Mignone ha ringraziato il Mentor e ha ricordato come queste serate siano linfa vitale per giovani arbitri che hanno tanto da apprendere da personalità di spicco come quelle del mentor partenopeo.

di Fabio Vesce e Giovanni Aruta

thumbfooter1_13650 thumbfooter2_13650

13647

Sezione di Nocera Inferiore

A Cava De’ Tirreni l’incontro con Quartuccio

Resterà sicuramente impressa negli occhi e nella memoria di tutti i presenti la serata che, nella splendida cornice dell’Aula Consiliare del Comune di Cava dei Tirreni, ha visto ospite della Sezione di Nocera Inferiore il Presidente del CRA Campania, Virginio Quartuccio, e la quasi totalità della sua Commissione (Massimo Costa, Vittorio De Simone, Giuliana Guarino, Mario Pacifico, Maurizio Toscano, Raffaele Russo, Ciro Pegno, Giovanni Belcuore, Vincenzo Ripa), con i Collaboratori (Alberico Galluccio, Carmine Conte, Giovanni Marolo) ed il Referente Regionale per l’Informatica, nonché Vice Presidente di Sezione Felice Milito. Presenti anche la quasi totalità degli associati e dei Dirigenti Sezionali, Regionali e Nazionali fra i quali Valerio Di Stasio, Salvatore Gubitosa, Antonio Chiancone, Giovanni Pentangelo, Vincenzo D’Amore, Vincenzo D’Angelo.
Ad aprire i lavori il Sindaco Vincenzo Servalli, che nel dare il benvenuto ai tanti associati che gremivano la sala, ha voluto tracciare un parallelo tra la figura del Primo Cittadino e quella dell’Arbitro, entrambe incessantemente impegnate ad essere garanti del rispetto e dell’applicazione delle regole, i primi in ambito politico-sociale, i secondi sui campi di gioco.
Prima di cedere la parola agli ospiti, il Presidente della Sezione, Carmine La Mura, ha tracciato un excursus dell’attività svolta dal gruppo dirigente della Sezione, dal suo insediamento ad oggi, con i quattro principi cardini: Comportamento, Atletica, Tecnica, Associazionismo (ben cinque Poli Atletici Sezionali; Riunioni Tecniche tematiche e settoriali per Organi Tecnici Sezionali, Regionali e Nazionali e per Calcio e Futsal, nonché per arbitri, assistenti ed osservatori; Olimpiadi sul Regolamento per tutti; Riunioni Tecniche con ospiti illustri a livello Regionale e Nazionale; Udienza da Papa Francesco; partecipazione agli eventi “Arbitri in Scalata” e alla manifestazione “Scalcia la SLA”; Corsi di formazione ed informazione su Sinfonia4You; Corso Arbitri; partecipazione a tutte le tappe della Referee RUN; e altro). Tutto ciò è stato reso possibile dall’incessante e quotidiano lavoro di tutta la squadra sezionale, affiatatissima composta dai Vice Presidenti (Milito e D’Ambrosi) e dai Consiglieri di Sezione, dagli Organi Tecnici Sezionali (D’Andria, D’Errico, Surano e Iacuzio), dai Preparatori atletici (Carbone, Franza e Gambino) e dai tanti associati che collaborano a tutte le attività sezionali. A conclusione dell’intervento la presentazione video della forza arbitrale presente nell’Organo Tecnico Regionale che ha dato il la all’intervento del Presidente Virginio Quartuccio, intervento che ha fornito utili spunti di riflessione ai tanti colleghi presenti.
La riunione è poi proseguita con il confronto su varie tematiche comportamentali senza tralasciare alcuni passaggi su assunti regolamentari fondamentali per assicurare quel servizio a cui quotidianamente sono chiamati i fischietti campani. La parola è passata, poi, agli Organi Tecnici delle varie categorie: Massimo Costa per la Promozione; Vincenzo Ripa per la Prima Categoria; Giuliana Guarino, Mario Pacifico e Maurizio Toscano per gli Assistenti Arbitrali; Ciro Pegno per gli Osservatori Arbitrali; Giovanni Belcuore per il Calcio a 5. Tutti hanno analizzato nel dettaglio la posizione di tutti gli associati appartenenti ai loro organici.
Dopo l’intervento del Presidente Quartuccio, che ha ringraziato il Presidente di Sezione e la folta platea per l’attenzione e la partecipazione mostrata nelle oltre due ore di riunione, il Presidente La Mura ha ringraziato gli intervenuti e la Commissione Arbitri Regionale, nonché l’Amministrazione Comunale nelle persone del Sindaco Vincenzo Servalli e del Consigliere Comunale Luca Narbone, che hanno consentito, per la prima volta nella sua storia, agli Arbitri della Sezione “N. De Felice” di Nocera Inferiore di poter essere presenti a Cava dei Tirreni per una Riunione Tecnica. A corollario della piacevole serata, un momento conviviale che ha permesso agli associati di intrattenersi ulteriormente e scambiare ancora qualche battuta coi graditi ospiti.
«È stata una occasione per consolidare i rapporti tra di noi, – dice con orgoglio il Presidente della Sezione Carmine La Mura – una giornata che sicuramente i miei ragazzi ricorderanno a lungo».

di Giovanni Aruta

thumbfooter2_13647 thumbfooter3_13647 thumbfooter4_13647 thumbfooter5_13647 thumbfooter6_13647 thumbfooter7_13647